BIANCOMANGIARE DA FAVOLA

Il biancomangiare è un dolce di origine araba. E allora vi direte: che ci fa sulla tavola di Natale di una siculo-polacca?

Ci fa, ci fa, perché come ben sapete tantissimi dei dolci siciliani derivano dalla tradizione araba. E il biancomangiare non fa eccezione.

La ricetta tradizionale lo vuole con il latte di mandorla, estratto dalle mandorle macinate fresche e lasciate filtrare per una notte attraverso una garza di lino… ecco, capiamo bene che se abbiamo un po’ di fretta non è proprio il dolce più veloce da fare seguendo la ricetta originale. A meno che non seguiate la mia ricetta che altro non è che la ricetta alternativa delle nonne di una volta, compresa la mia, che per realizzare un dessert rapido e genuino, aveva deciso di sostituire il latte di mandorla con quello vaccino, aggiungendo la scorza di limone odorosissima e a metro zero (avendo l’albero in giardino!) e una stecchetta di cannella (spezia preferita di tutta la mia famiglia!).

Io, poi, avendo acquisito la mia dimestichezza in cucina, ho applicato diverse varianti, come l’utilizzo della bevanda di riso, di quella di cocco, del latte di mandorla light, in modo da accontentare le esigenze di tutti quelli che partecipano ai miei corsi e che hanno intolleranze o allergie varie.

Questa ricetta del biancomangiare è senza glutine. Sostituendo il latte intero con il latte senza lattosio o con una bevanda vegetale come quella di riso, otterrete un dolce anche privo di lattosio.

Ricetta per 8 persone:

1 litro di latte intero

200 g di zucchero semolato

100 g di amido di mais

la scorza di un limone non trattato

una stecchetta di cannella

pistacchi non salati oppure mandorle tostate

Preparazione:

  1. In una tazza versate l’amido e aggiungete un po’ di latte per farlo sciogliere. Se trovate difficoltà aggiungete la punta di un cucchiaio di zucchero. Non so per quale processo chimico (la tata serba dei miei nipotini me l’ha consigliato ed è stata una rivelazione!) ma l’amido si scioglie in tempo zero!
  2. In un pentolino versate il resto del latte insieme allo zucchero e mescolate con una frusta finché lo zucchero non si sarà sciolto. Accendete la fiamma e aggiungete la scorza del limone e la cannella, versando a filo l’amido che avete precedentemente sciolto.
  3. Mescolate di continuo a fuoco lento finché il tutto non inizierà ad addensarsi. A questo punto spegnete la fiamma, togliete la scorza del limone e la cannella e versate in uno stampo da budino.
  4. Cospargete con i pistacchi tritati o se preferite, con le mandorle e lasciate raffreddate per 2-3 ore, fino a quando il biancomangiare non sarà sodo.

Per rendere il vostro biancomangiare ancora più sfizioso potete mettere dei biscotti sul fondo della forma prima di versare il budino o/e aggiungere delle scaglie di cioccolato fondente insieme ai pistacchi tritati. Male che vada, una cucchiaiata di cioccolato spalmabile risolverà qualunque eventuale mancanza in dispensa!

Questo dolce è veloce, rapido, genuino ed economico. Un vero salvavita per una cena, una merenda e per qualunque occasione che richieda una dose massiccia di coccole!