Spaghettone al pesto con tartare di gambero rosso di Mazara

Chi non è di Mazara del Vallo non può totalmente cogliere il significato che ha per noi mazaresi il gambero rosso. Non mi riferisco solo alla bontà e all’unicità del prodotto, quanto alla tradizione che si porta dietro. Fatta di ricette, racconti, incontri e “schiticchiate”, momenti di gioia culinaria condivisa.

Io ho vissuto a Mazara fino ai 18 anni e poi sono tornata ogni Natale e ogni agosto. Mangiare il gambero era (ed è) rappresentativo di un momento di festa. Viene apprezzato il suo pregio e celebrato con piatti semplici che ne esaltino il sapore.

Un po’ come succede alla Buba Gump Gamberi di Forrest Gump, c’è un momento, durante queste riunioni tra amici e parenti, in cui il gambero è protagonista assoluto e ti ritrovi a mangiare gamberi marinati, gamberi arrostiti, busiate con sugo gamberi, linguine con le teste dei gamberi, gamberi a forno, spiedini di gamberi, tartare di gambero e così via…

Quindi, per me, preparare una ricetta con il gambero rosso di Mazara, equivale a risentire il sapore di casa in trasferta. Anche perché gli ingredienti richiesti, solitamente, sono davvero basici: aglio, prezzemolo, olio extravergine di oliva e pochissimo tempo di cottura. Qualche goccia di limone del mercato se vuoi fare una marinata fresca e leggera.

Stavolta allora, avendo deciso di fare anche il secondo (ovvero gamberoni al forno) ho pensato di lanciarmi in un primo più articolato rispetto al solito comune sentire mazarese, e ho realizzato un pesto verde fatto in casa che avrebbe avvolto lo spaghettone di Gragnano e accolto come un nido una tartare di gambero rosso. Ecco come l’ho preparato:

Ingredienti per 2 persone:

180 g di spaghettoni di Gragnano

1 mazzo abbondante di basilico fresco (preso al mercato)

50 g di parmigiano reggiano

2 cucchiai di pinoli

1 cucchiaio di mandorle

abbondante olio extravergine di oliva

1 spicchio di aglio

pepe in grani a piacere

un pizzico di sale

10 gamberi rossi di Mazara

Ho lavato e asciugato le foglie di basilico, spuntandole e mettendole dentro al bicchiere del mixer. Ho aggiunto il tocchetto di parmigiano, i pinoli, l’olio abbondante (almeno 1 bicchiere e mezzo), l’aglio, il pepe e un pizzico di sale e ho frullato tutto. Appena il pesto ha raggiunto la sua omogeneità ho aggiunto le mandorle e ho frullato per 3 secondi, al fine di ottenere un composto più croccante.

Mentre gli spaghettoni di Gragnano cuocevano in abbondante olio extravergine di oliva, ho “scapuzzato” (tolto le teste – n.d.r.) il gambero e l’ho tagliato a tocchetti.

Quindi ho scolato la pasta al dente, l’ho condita in una ciotola con il pesto verde, ho creato dei nidi nel piatto e vi ho adagiato la tartare di gambero.

La bontà credo sia apprezzabile anche dalla foto stessa, che ne dite?

Spaghettone di Gragnano con pesto verde con tartare di gambero rosso di Mazara

Per l’eccellenza della materia prima devo ringraziare http://www.asaroseafood.it senza la quale il piatto non sarebbe riuscito assolutamente allo stesso modo!